Chi vuole una casa nella prateria? Lost 6×08

Chiedo scusa se ancora una volta il post arriva con estremo ritardo, ma stavolta ci si è messa di mezzo una fastidiosa influenza che mi ha tenuto lontana dal computer – e da qualsiasi attività che non fosse dormire o ingerire medicinali – proprio quando mi mancava solo l’ultima revisione. Fortunatamente la puntata successiva è abbastanza disconnessa da questa da non aver fatto invecchiare anzitempo questa recensione e le teorie che si porta dietro🙂

E nel prossimo episodio, scopriremo che Jack guarda Sentieri

E nel prossimo episodio, scopriremo che Jack guarda Sentieri

A parte il fatto che potrei semplicemente linkare la disamina della sesta stagione che ha fatto TFM , si può dire che se Dr. Linus mi ha ricordato molti dei motivi per cui amo Lost, Recon invece è stato un episodio frustrante che mi ha ricordato il periodo, all’inizio della terza stagione, in cui ero lì lì per mollare questo telefilm.

Al lavoro, Starsky

Pronto per il remake di Starsky e Hutch

Uno dei difetti principali che si possono imputare a questa stagione di Lost è che, a parte per il primo episodio, ancora non si è trovata quella coralità che ha fatto buona parte della fortuna del telefilm. Fin dalla prima stagione, al di là dei misteri e dell’avventura offerti dall’isola, buona parte dell’appeal di Lost stava nelle interazioni tra i personaggi, nel vedere un gruppo di sconosciuti rivelare connessioni inattese nei flashback e costruirne di nuove grazie all’esperienza comune.

Ora che, in questa fase, gli episodi sono basati molto di più sugli individui o al massimo su personaggi che procedono a due a due (come Jack e Hurley), il risultato finale dipende anche dalla solidità del personaggio e dalla bravura del suo interprete.  E’ il motivo per cui gli episodi di Ben e Locke sono stati così soddisfacenti; e abbiamo visto che anche Jack è un personaggio che, malgrado sia spesso bistrattato, ha ancora delle frecce al suo arco, in quanto costantemente messo in discussione, costretto a fronteggiare delle crisi. Ho apprezzato anche l’episodio di Sayid, l’ho visto come una chiosa coerente e necessaria alla parabola, purtroppo negativa, dell’iracheno.

Così come il sideways Ben non era poi un gran manipolatore, sideways Sawyer deve perfezionare la sua tecnica di rimorchio. Lattine di birre e un girasole? Wtf?

Ciò che evidenzia Recon, invece, è che Sawyer non ha più le spalle abbastanza larghe da poter incentrare su di sé la narrazione. Ricordo che qualcuno mugugnò quando, nella quarta stagione, il nostro Han Solo della situazione non ebbe diritto ad una puntata solista. Recuperò solo nella scorsa stagione, e si trattava di LaFleur ambientata negli anni Dharma – quindi nel presente del con man sudista. Sawyer non ha più avuto un episodio centrico “classico” dai tempi di Every man for himself (il 3×04), e secondo me ha visto risolversi il grosso del suo arco narrativo quando ha ucciso il Sawyer originale (aka il padre di Locke) in The brig (3×19). Ora, non dico che Sawyer sarebbe dovuto sparire da Lost subito dopo questo momento di catarsi, per quanto drammatico (anche se è ciò che spesso accade ai personaggi di questo show: risolvi i tuoi problemi e poi muori): però è chiaro che si è venuto a trovare a corto di motivazioni forti, ed è arrivato a quest’ultima stagione con meno slancio di altri, tanto che il ritorno in primo piano della sua relazione con Kate, a parte fare contenti gli shipper, secondo me è il sintomo di un estremo tentativo di dargli una spinta ricorrendo a metodi talmente collaudati da risultare triti.

*facepalm*

Non fraintendiamo: a me Sawyer sta simpatico e, va da sé, se potessi mi fionderei a conoscerlo in senso biblico prima che abbiate il tempo di dire “Davidoff  Cool Water“. Però vorrà dire qualcosa se, per esempio, i sideways degli altri personaggi mi hanno detto qualcosa in più sulla loro controparte originale, mentre quello di Sawyer non mi ha insegnato niente di nuovo. Che avesse la potenzialità per essere un bravo poliziotto ce lo hanno fatto capire per tutta la seconda metà della quinta stagione, per cui non è stata esattamente una sorpresa. E per il resto, quello che abbiamo visto è stato un bignami del personaggio Sawyer-LaFleur-Ford, e ci siamo resi conto che davvero poco si è aggiunto a quanto sapevamo già due stagioni e mezzo fa. Non nego che ci sia dell’intenzionalità in questo: gli altri che hanno dimostrato di variare solo minimamente dal proprio vecchio sé, cioè Sayid e Kate, non a caso sono tutti sotto l’infida ala protettrice di Smokey. Ma al di là del metatesto, l’impressione è quella di un episodio debole, noiosetto, messo lì a fare da sponda tra il picco emozionale di Dr. Linus e l’attesissimo Richard-centrico della settimana successiva.

A questo punto, se proprio volevate sprecare la sua laurea tanto valeva mostrarla che lavorava in un call center

Ho un’ultima lamentela prima di passare agli spunti più interessanti dell’episodio. Recon ha evidenziato non solo lo spreco del personaggio di Juliet, sacrificata all’altare di Sawyer/Kate, ma anche di quello di Charlotte. Il cameo della bella testarossa inglese, presentata come archeologa e non come antropologa (tanto è la stessa cosa… ehm, no.), mi ha fatto ripensare all’introduzione dei Freighties, che al tempo furono anche soprannominati i “Fantastici Quattro”. Questo perché ognuno si presentava con un’abilità precisa: Faraday era lo scienziato, Lapidus il pilota, Miles il ghostbuster, e Charlotte, per l’appunto, l’umanista della situazione. Ora facciamo un riepilogo ad uso e consumo degli smemorati:

  • Faraday ha usato la sua conoscenza scientifica a più riprese sia on island, sia off island nei flashback di Desmond, e ha offerto un discreto numero di spiegazioni al pubblico;
  • Lapidus ha pilotato prima l’elicottero che ha salvato gli Oceanic Six, poi il volo Ajira che li ha riportati sull’isola;
  • Miles ha parlato coi morti a più riprese, non ultima quella decisiva con le ceneri di Jacob;
  • Charlotte è morta dopo aver scoperto di essere nata sull’isola.

Vedo solo io la discrepanza? Considerato il florilegio di reperti, geroglifici, pezzi mummificati che si trovano sull’isola, possibile che non ci fosse modo di usare le competenze di Charlotte? Magari dando qualche indizio in più agli spettatori nel frattempo, e distanziandola un po’ dal periglioso circolo delle donne in frigorifero? Non so, la storia di Charlotte mi sembra evidenziare la tendenza degli autori di Lost a ritenere certi personaggi – e le storyline che si portano dietro – sacrificabili al di là del loro potenziale e della coerenza narrativa. E’ il rovescio della medaglia delle occasioni prese al volo come quella di Ben/Michael Emerson, certo. Ma quando gli episodi degli irrinunciabili come Kate o Sawyer traccheggiano, il potenziale sprecato lascia un sapore particolarmente amaro.

Mia madre era pazza... infatti mi chiamava sempre "Ciro! Ciro!", ma il mio nome è Gianluigi. Gianluigi Bombatomica.

Ma per fortuna c’è FarLocke.

Il più grande interrogativo posto dalla persona di FarLocke in questo episodio è: ci è o ci fa? Se la tecnica che Sawyer decide di usare per la sua nuova long con è quella della sincerità (quasi) assoluta, molti commentatori hanno scelto di ritenere altrettanto sincere le parole di FarLocke. Ha davvero avuto una madre pazza come ha raccontato a Kate? Ha davvero intenzione di lasciare l’isola come ha raccontato a Sawyer e a tutti gli altri?

Personalmente, faccio fatica a credergli.  Secondo me, The man behind the curtain è nuovamente un episodio centrale per capire che Smokey è stato, probabilmente, il vero grande manipolatore di questa storia; dopotutto lo è anche Jacob e devono farsi concorrenza.  Quella che ci era stata presentata come “capanna di Jacob”, retrospettivamente sembra proprio essere stata la prigione di Smokey, o meglio della sua parte senziente, umana. Tutti, Ben e Richard inclusi, avevamo creduto che Locke avesse sentito la voce perché prescelto da Jacob; ma sembra proprio che in realtà a sceglierlo, in quel frangente, sia stato Smokey. Parliamo insomma di un burattinaio sopraffino, i cui veri scopi, secondo me, sono ancora un enigma: nel frattempo, dice – come ogni demonio tentatore/genio malvagio che si rispetti – le cose che i suoi interlocutori vogliono sentire, per cui gioca la carta dei mommy issues con Kate e quella della fuga dall’isola con James. Ma mi sembra onesto quanto una moneta da tre euro.

Poi non si può mai dire. E’ fuor di dubbio che parte della personalità e dei manierismi del vero Locke sono presenti in questa specie di ultracorpo creato da Smokey. E sono abbastanza sicura che l’origine sia di Jacob, sia di Smokey/FarLocke (il cui nome è palesemente importante, altrimenti ce l’avrebbero detto) sia umana, non esoterica. Resta da vedere come mai sono praticamente dei semidei. Sono personaggi che conosciamo già (uno su tutti: Aaron) finiti al di fuori dello spazio e del tempo? Sono fratelli? Può il vero nome di FarLocke essere… Jacob, rivelando i due come le metà complementari dello stesso individuo? Fino a che punto ha senso ed è credibile il desiderio di FarLocke di lasciare l’isola, considerato che l’abbiamo già visto manifestarsi come Christian Shephard o come Claire rispettivamente a Jack e Kate quando questi erano a Los Angeles?

"Ah, comunque non mi lavo dal 1994"

A proposito di Kate, come al solito è molto più interessante vederla interagire con le donne o comunque con personaggi che non siano Sawyer o Jack (sì, ormai ce l’ho a morte con quella sottotrama). Qui succede quello che tutti temevano e/o aspettavano trepidanti, cioè Claire che le salta al collo per ammazzarla, mentre Sayid guarda lo spettacolo con lo stesso interesse con cui io guardo le gare di biliardo alle due di notte. Ma se possibile l’intervento di FarLocke che malmena la minuta Claire è stato ancora più scioccante. Certo, il risultato è che la biondina sembra aver seppellito l’ascia di guerra nei confronti della sua vecchia coinquilina, ma anche noi, come Kate, non possiamo fare a meno di indossare il nostro “WTF?” migliore perché seriamente: di cosa ti sei fatta, Claire? Sul serio lascerà perdere ogni animosità sapendo che Aaron è dall’altra parte del mondo? E soprattutto, una domanda che non vedo in giro ma che continua ad assillarmi: da quanto tempo conosce FarLocke? Smokey si era ggiarato per l’isola in quella forma anche prima dell’atterraggio dell’Ajira? Okay che Claire è impazzita, ma come se lo è spiegato, lei, il “suo amico”? Perché lo distingue dall’apparizione di Christian Shephard che l’aveva indotta ad abbandonare Aaron? E’ un’altra truffa ben congegnata dal mostro di fumo o Claire sa qualcosa che non sappiamo?

Probabilmente sono l'unica fan di Widmore ma non m'importa! Vai Chuck!

Che altro… ah sì, Widmore. Non ho la più PALLIDA idea di cosa abbia in mente ma sono sempre contenta di vedere Alan Dale (lo dico ogni volta?). E nemmeno ho una teoria per chi o cosa sia chiuso a chiave nel sottomarino. Anche se ho avuto un flashback all’episodio di Sayid dove il flash sideways finiva con Jin chiuso in uno sgabuzzino, quindi, siccome i parallelismi ci piacciono, secondo me dietro a quella porta c’è una persona. Desmond? Eloise Hawkins? Walt? Aaron? Magari – questa mi è appena venuta in mente per cui è sicuramente una cazzata – qualcuno che dovrebbe essere morto, tipo Faraday? Mi domando se la realtà principale e i sideways convergeranno mai… e se magari potrebbe essere Charles ad aver trovato il famigerato loophole che le collega.

Comunicazione di servizio: prossimamente su questi schermi, urban fantasy a go-go con True Blood stagione 2 e Hex stagione 1. Nel frattempo… stay lost!

One thought on “Chi vuole una casa nella prateria? Lost 6×08

  1. Pingback: Against all odds: Lost 6×10 « Conversation pieces

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...